Benedetti Magazine

Restaurare Mobili Antichi: Ecco come Fare

Restaurare è un’operazione tanto complessa quanto soddisfacente: poter sfoggiare un mobile antico restaurato è un lusso che pochi possono permettersi.

Prima di partire con un restauro fai da te, bisogna sempre avere presente che non c'è cosa peggior per un mobile dell'incuria e l'abbandono e pertanto, qualsiasi errore è preferibile al lasciare il mobile a se stesso. Cerchiamo comunque di limitare i danni al minimo con qualche consiglio.

Innanzitutto bisogna fare un’analisi attenta del mobile che si vuole restaurare: se si ha il dubbio di trovarsi davanti ad un pezzo raro e prezioso è meglio affidarsi alle mani esperte di un restauratore, mentre per i pezzi di mobilio più diffusi basterà procedere come segue.

La prima fase si compone di un attenta pulizia e smontaggio del mobile. Prestiamo attenzione a conservare tutte le viti e le piccole parti in un sacchetto e a mettere da parte i pezzi di metallo. Dopo di che, si procede ad una pulizia profonda per eliminare la polvere.

Se l’intento è di cambiare la finitura e il colore del mobile allora bisogna procedere con la sverniciatura. In alternativa e comunque dopo la sverniciatura, bisognerà agire con un trattamento antitarlo. Dopo aver verniciato il mobile con le sostanze antitarme, bisognerà sigillarlo dentro un telo o una busta di plastica e attendere almeno 10 giorni.

Questo periodo può essere impiegato per recuperare le eventuali parti mancanti come maniglie, cerniere, pomelli ecc. 

Nella fase successiva è prevista la stuccatura per eliminare i graffi o i fori e rendere la superficie omogenea. Prima di iniziare la stuccatura, conviene passare una mano di gommalacca a pennello su tutta la superficie ottenendo una sorta di pellicola protettiva che impedirà allo stucco di macchiare il legno.

In questa fase si possono unire delle polveri colorate allo stucco per avvicinarsi alla finitura del mobile. Infine bisogna carteggiare per eliminare gli eccessi di stucco. Se è necessario si potrà ripetere l’operazione più di una volta.

A questo punto il mobile è pronto per essere lucidato. Usando la gommalacca già pronta si può passare direttamente la spugna di metallo ogni due mani di gommalacca per far sì che le mani successive aderiscano meglio alla superficie. Continuando fino a che non si ottiene il risultato cercato.

Chi desidera, può passare uno strato di vernice trasparente sul mobile per renderlo più lucido e protetto. Dopo aver rimontato il mobile sarà pronto per arredare la casa.

Photocredit: Comunicatistampa

Articoli in Evidenza

Un compleanno ben riuscito!
1968-2018, 50 anni Mobilificio Benedetti
Qualcosa di nuovo, qualcosa di vecchio, qualcosa di prestato...